martedì 28 aprile 2015

CIAO RAGAZZI!


E chi si sarebbe immaginato… Tu Oskar ti conoscevo abbastanza bene. Ricordo quando eri stato mio allievo ai Corsi Guida. E nel Soccorso Alpino. Quanto ti ammiravo. E non scordo nemmeno la tua visita ai XII, solo per salutarmi. Ciao Oskar, ciao ragazzi!

domenica 26 aprile 2015

EIGER


Il 21 aprile 2015 finalmente fatta la nord dell'Eiger. Tanti ricordi durante questa lunga giornata col mio amico Nicola... Grazie Nic!

”Due puffi sull'Eiger”

27 luglio 1984. “Chissà perché la Svizzera che è tanto piccola, è così piena di lunghi rettilinei?”
Sono in macchina con il mio amico Icio (Maurizio Giarolli): siamo diretti a Grindelwald, con l'obbiettivo di infilarci su quella che probabilmente è la parete più famosa del mondo, quella Nord dell'Eiger di cui tutti – anche gli alpinisti da poltrona- sanno tutto.
Il tempo è bello ma non sappiamo niente delle previsioni, così, arrivati alla fermata assieme ai primi turisti giapponesi che ci guardano incuriositi, chiediamo la meteo a una guida alpina del posto. “Peggioramento dal pomeriggio!” sentenzia. Ci guardiamo e... “Dai, dai, con tutti i chilometri che abbiamo fatto. Almeno proviamo.”
Verso le 9 del mattino siamo all'attacco e cominciamo a salire, scherzando su questo “mucchio di sassi”. Guardo Icio e rido, e lui ride guardando me. Siamo vestiti allo stesso modo, sembriamo due gemelli: calzamaglia blu, canottiera blu (abbellite da simpatiche righine bianche orizzontali!), e pantaloncino corto. L'attrezzatura è poca, ma almeno è leggera. Saliamo rapidi, per la maggior parte in conserva, superando una cordata di tedeschi che gentilmente ci suggerisce la strada sbagliata.
Dopo aver perso un po' di tempo per rientrare sulla retta via, raggiungiamo il Bivacco della Morte e poi il Terzo Nevaio. Fa caldo, ma il cielo si va coprendo mentre superiamo le lunghezze della Rampa. Sono fermo all'ultima sosta quando gli schizzi di un rigagnolo, che scende davanti a me, iniziano a bagnarmi. In pochi minuti, mentre assicuro Icio che sale gli ultimi metri difficili, il rigagnolo si ingrossa terribilmente, tanto che mi ritrovo inzuppato fradicio. Anche i piedi sono in due pozze d'acqua.
Si prosegue nella Fessura Friabile e poi sulla facile Traversata degli Dei. In prossimità del Ragno Bianco vediamo scendere molta acqua, sassi e neve. Abbiamo fretta di tirarci fuori da questo posto, e sarà questa fretta a fregarci!
Un chiodo a espansione e un pezzo di corda marcia ci invita a salire verticalmente. Grosso sbaglio! Dopo un paio di tiri capiamo che siamo fuori via. Tornare indietro sarebbe una grossa perdita di tempo, allora proseguiamo, anche se questa linea è decisamente più ripida e difficile.
Siamo infatti sulla direttissima, la famosa linea di Harlin.
Ormai è buio e proseguire è impossibile. Se non avessimo commesso quell'errore saremmo già sulla via del ritorno, invece dobbiamo bivaccare e accontentarci del piccolo gradino che l'Eiger ci offre. Con il martello Icio spezza qualche roccia per ingrandirlo: riusciamo a piantare un chiodino a lama per la nostra sicurezza, quindi a fatica riusciamo ad appoggiare il sedere.
Intanto si è messo a nevicare e noi ci stringiamo uno addosso all'altro, con l'illusione di trasmetterci un po' di calore. Poi arrivano i primi lampi e la tensione aumenta. Uno, due, tre, quattro. Cominciamo a contare i secondi che passano dal chiarore del lampo al momento del tuono, ma poco dopo non c'è più niente da contare: il fulmine che si è scaricato nelle vicinanze ci scorre lungo il corpo. Le mie natiche sono morse da due grosse tenaglie e Icio è grattato violentemente lungo la schiena. Ma siamo ancora qui. Ci guardiamo con gli occhi sgranati: la situazione non è molto allegra, ma siamo vivi.
Passa una lunga notte piena di pensieri e paure, poi, appena arrivano le prime luci del giorno, riprendiamo a salire. Oltre la sosta riusciamo a salire solo qualche metro perché uno strapiombo ci sbarra il cammino. Abbiamo pochissimo materiale, che non ci può veramente aiutare. A turno ci scambiamo nel ruolo di capocordata, sperando che l'altro riesca a passare. Siamo convinti che oltre quel punto si riesca a proseguire più agevolmente verso la cima, ma non riusciamo proprio ad alzarci: siamo inchiodati.
Alle dodici decidiamo di desistere e iniziamo a scendere, ma questo ci presenta un altro bel problema: sotto di noi abbiamo circa 1500 metri di dislivello di calate, ma il nostro approccio leggero ci ha fatto portare solo una mezza corda da 45 metri! Piangere o strillare non servirebbe a nulla, così iniziamo le nostre ridicole corde doppie, che ci sembrano quelle dei puffi: piccole piccole, su di una parete così grande! Tra il resto la parete è livellata dalla neve che continua a cadere incessantemente. Sui lunghi nevai procediamo in conserva, il più veloce possibile, ma a mezzanotte siamo ancora sulle cenge al termine della traversata Hinterstoisser.
Non nevica più e, in pochi minuti, le nubi lasciano il posto a un cielo stellato e di conseguenza al freddo. La voglia di scendere sarebbe molta, ma con il buio ci sentiamo un po' smarriti, così decidiamo di aspettare il mattino. Rimaniamo per lo più in piedi, saltellando e prendendoci a pugni per scaldarci. Ora comunque l'umore è molto migliorato e riusciamo anche a scherzare su quanto abbiamo appena passato. Icio all'occorrenza è un buon cabarettista, e questo almeno aiuta il trascorrere delle ore notturne. Sotto di noi sentiamo i tedeschi incontrati ieri: anche loro avevano rinunciato all'inizio della Rampa. Alle prime luci riprendiamo la discesa fino ai verdi prati sottostanti, e quindi giù a rotta di collo fino a Grindelwald.

Poco dopo ci ritroviamo nei panni di quei turisti che spesso prendiamo in giro: vestiti come in pieno inverno sotto un sole estivo, a fare pic-nic giusto sul ciglio della strada.

lunedì 13 aprile 2015

sabato 11 aprile 2015

venerdì 20 marzo 2015

STEFANIE EGGER

Unica cartolina mandata da Egger dall'Argentina
 Famiglia Egger

Una pittura di Egger (selfie)

Stefanie consegna la piccozza di Egger a Messner per il suo museo

Stefanie, Charlie Buffet e io al monumento di Egger

Monumento di Egger

Stefanie con me

Tomba di Egger fatta dallo svizzero Hans Peter Trachsel

Egger molto giovane
Martedì 17 marzo sono stato in Austria, a Lienz, a incontrare la sorella di Toni Egger. La bella signora, Stefanie, ha 85 anni ed è in perfetta forma. Ero con Charlie Buffet, giornalista di Le Monde e National Geographic. Bellissima giornata.

martedì 10 marzo 2015

SELFIE


Tutti fanno i selfie… e noi chi siamo?

lunedì 9 marzo 2015

NON MI E' PIACIUTO

Cerro Torre, prime salite e menzogne: l’alpinismo è una verità senza testimoni

Marquardt Wocher, 1790, M.G. Paccard sulla via del Monte Bianco l'8 agosto 1786 (Photo Wikipedia)COURMAYEUR, Aosta — Alpinismo, menzogne, verità e polemiche. L’ultima discussione sulla salita del Cerro Torre da parte di Cesare Maestri, che viene messa in dubbio da decenni e ancora torna alla ribalta sui giornali, ha aperto sulla nostra testata una serie di riflessioni su quanto ci si possa “fidare” degli alpinisti, la cui storia è segnata da imprese incredibili ma anche da altrettanto incredibili bugie. Riceviamo e pubblichiamo oggi un bell’editoriale scritto di Gioachino Gobbi, patron di Grivel: il “De veritate” dell’alpinsimo. Che vi lascerà sicuramente con molto materiale su cui riflettere.
“Un antico proverbio cinese recita: quando si devono fare dieci passi, nove sono metà del cammino.  (In Toscana suona: chi di dieci passi n’ha fatti nove è alla metà del cammino. Però la citazione cinese è più culturale e più “figa”.)
Pochi aforismi hanno un riscontro così preciso nell’alpinismo. Inutile raccontare quante volte siamo arrivati a 100 metri dalla vetta, abbiamo preferito lasciare gli ultimi 200 metri perché le condizioni erano troppo inutilmente pericolose, e così via con tutte le spiegazioni possibili che, in fondo in fondo, sottintendono il messaggio: sì, in pratica l’abbiamo fatto!
Ci sono voluti tanti anni perché si avesse una specie di verità sulla prima salita al Monte Bianco sui ruoli di Balmat e di Paccard, l’8 agosto 1786 data considerata l’inizio dell’alpinismo; come più tardi per Bonatti al K2; nel 1838 Henriette d’Angeville venne acclamata come la prima donna a salire sul Monte Bianco (la prima fu in realtà Marie Paradis nel 1808) poi, con grande imbarazzo, si cominciò a dire: la prima donna straniera a salire sulla vetta (lei era francese ed il Monte Bianco apparteneva al Regno di Sardegna dai due lati).
Oggi vedo un nuovo risorgere delle polemiche sul Cerro Torre che in più si tirano dietro l’eterno dilemma della “verità”. Si può rispondere su tre livelli:
1-La storia della salita al Torre
2-La veridicità ed il controllo in montagna
3-La definizione della “verità”
1-Cinquanta anni di polemiche non hanno risolto nulla. Oggi mi chiedo: interessa veramente al mondo alpinistico questa querelle? Secondo me no. Continua ad esistere e a creare interesse solamente perché, attraverso gli interventi, le accuse e le difese si possono vedere e comprendere un po’ meglio la personalità e le caratteristiche degli attori. In altre parole: non interessa la salita ma la reazione di chi partecipa alla sceneggiata.
Kant diceva:  pazienta per un poco; la verità è figlia del tempo, tra non molto essa apparirà per vendicare i tuoi torti. Speriamo avesse ragione perché io sono convinto che questo genere di discorsi e polemiche non servono ad allargare il numero di base degli alpinisti ed a far appassionare più giovani alla montagna ed alle sue molteplici opportunità di esplorazione e di divertimento.
E questo è il vero problema ed il vero futuro!
2-L’alpinismo è una attività senza testimoni. Non si fa in uno stadio davanti ad un gran numero di tifosi, non si fa in teatro davanti ad un piccolo numero di spettatori, spesso non c’è anima viva nel raggio di molti chilometri. La verità è perciò affidata ai protagonisti con le loro caratteristiche più o meno amate e più o meno amabili, e coinvolge quindi  anche l’aspetto etico essendo collegata con l’esigenza di onestà intellettuale, con la buona fede e la sincerità. D’altronde bisogna sempre essere almeno in due perché la verità nasca, uno per raccontarla e l’altro per ascoltarla. E in fondo noi italiani siamo maestri nel  gioco dei contrasti: lui non è affidabile e quindi io lo sono! Le varianti sono infinite: lui non ci è arrivato e quindi io ci sono arrivato, lui non riesce a passare e quindi io passo, lui … bla, bla, bla.
Diceva Joseph Goebbels, il tristemente famoso ministro della propaganda nazista: ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità. Può valere in entrambi i casi, a favore o contro.
Certo non vorremmo che il nostro mondo funzionasse così, ma è l’uomo che funziona così.
Per esempio, nonostante una volta moltissimi  lo credessero, la terra non è piatta. Le stelle non ruotano intorno alla terra. Mangiare un pomodoro non porta alla morte immediata, e  l’uomo  può volare e persino superare il muro del suono.  Per esempio nel nostro mondo negli anni ’50 si credeva fosse impossibile  arrivare in cima ad una montagna di 8000 metri senza ossigeno e non morire!
Forse oggi i moderni mezzi tecnologici, dal GPS ai telefoni satellitari, alle GoPro e chi più ne ha più ne metta, renderanno più difficile nascondere gli insuccessi e contemporaneamente renderanno più facile dimostrare le riuscite. Certo tolgono molto all”avventura”, ma sono i tempi che cambiano e solo in futuro vedremo i pregi ed i difetti di queste innovazioni.
3-Nel terzo punto il discorso si fa molto più difficile e spero di non annoiare i miei venticinque lettori (come diceva il Manzoni).
Si aprono due problemi: il relativismo e l’esperienza personale.
Oggi si considera che la verità sia nella maggioranza dei casi “relativa” e da qui nasce il “relativismo”secondo il quale tutte le verità che ricadono in un particolare ambito sono relative, e ciò comporta che ciò che è vero o falso varia al variare delle epoche e delle culture.
Ad esempio questo vale nelle verità scientifiche che non sono così definitive come spesso si crede. Tante volte quello che riteniamo una verità scientifica ben controllata è qualcosa che, con una strumentazione più raffinata, viene ridotta di portata, e diventa meno universale. Questa “verità” è sostituita da una verità un po’ più profonda.
Nel nostro campo alpinistico abbiamo infiniti esempi di cambiamenti dei giudizi sulle attività alpinistiche ed arrampicatorie. Dalle grandi e pesanti spedizioni nazionali allo “stile alpino”. Il già citato ossigeno. L’utilizzo del  Pervitin ( una amfetamina che veniva distribuita ai soldati tedeschi durante la prima guerra mondiale) da parte di Herman Bhul per la prima salita al Nanga Parbat nel 1953: ma siamo sicuri di poter giudicare quel comportamento con il pensiero di oggi? E lo stile totalmente artificiale con il quale si realizzarono le grandi salite in Yosemite? L’elenco potrebbe essere lungo come la storia dell’alpinismo!
E veniamo all’esperienza personale. Una antica parabola racconta di sei uomini ciechi che vanno a conoscere un elefante. Ognuno di loro tocca una parte diversa dell’elefante e poi descrive agli altri ciò che ha scoperto. Uno degli uomini trovò la zampa dell’elefante e la descrisse essere tonda e ruvida come un albero. Un altro prese la zanna e disse che l’elefante era come una lancia. Il terzo afferrò la coda insistendo nel dire che l’elefante è come una fune. Il quarto trovò la proboscide e affermò che l’elefante è come un grosso serpente. Ognuno descriveva qualcosa di vero e poiché la verità di ciascuno derivava da un’esperienza personale, ognuno continuava ad affermare che sapeva quello che sapeva. Morale:tutti erano in torto sebbene ognuno avesse in parte ragione.
Vorrei terminare con una annotazione bella, che a me ha insegnato molto e che non è abbastanza conosciuta. Il 25 maggio 1955 due alpinisti inglesi George Band e il famoso Joe Brown arrivarono in vetta al Kangchenjunga, la terza montagna più alta della terra dopo Everest e K2. In realtà non arrivarono proprio in vetta ma si fermarono volontariamente alcuni metri sotto la cima: rispettarono una promessa fatta al Chogyal  (Re del Sikkim) di non calpestare la vetta dove le popolazioni locali pensavano vivessero gli Dei. Il Kang rimase dunque inviolato; ma i nostri possono essere considerati i primi salitori?”

Gioachino Gobbi

CHE STORIA INCREDIBILE

Passo Resia, a passeggio con il capriolo.

L'animale è stato "allevato" fin da piccolo dal cane di casa e ora si comporta come lui. Il ragazzo è di Amburgo.

domenica 8 marzo 2015

BUONA GIORNATA A TUTTE

E che sia così anche per i restanti 364 giorni

giovedì 5 marzo 2015